Maltese e la sindrome di Shaker: cause, diagnosi e cure

Maltese e la sindrome di Shaker: cause, diagnosi e cure

La sindrome di Shaker è una condizione che coinvolge tremori generalizzati della testa e del corpo nei cani.

Questa patologia viene anche chiamata “Sindrome del cane bianco”, perché la condizione è più comune nei cani bianchi di piccola razza come il Maltese, il West Highland White Terrier e il Barboncino.

Sebbene la condizione sia più comune nei cani di peso inferiore a 10 Kg, qualsiasi cane di colore e taglia è suscettibile a questa condizione.

Quali sono i segni clinici della sindrome di Shaker?

I cani affetti in genere sviluppano tremori durante la prima età adulta, da uno a due anni di età. I tremori sono movimenti muscolari ritmici, ripetitivi e involontari, che sembrano “tremare”.

I tremori possono essere localizzati in un’area del corpo (ad esempio, la testa) o possono coinvolgere l’intero corpo. Questi tremori possono variare in gravità, da molto lieve a invalidante (impedire di mangiare, camminare, ecc.).

In molti cani con sindrome di Ahaker, i tremori peggiorano con l’eccitazione e l’esercizio e possono migliorare o risolversi completamente quando il cane sta riposando o dormendo.

La maggior parte dei cani è per il resto normale, ad eccezione dei tremori. Un piccolo numero di soggetti può mostrare altri deficit neurologici durante gli episodi di tremore, come problemi alla vista o nistagmo (un movimento ritmico avanti e indietro degli occhi), ma questo è molto raro.

Quali sono le cause della sindrome di Shaker?

Al momento, la causa della sindrome di Shaker è sconosciuta. Sono diverse le teorie che sono state prese in considerazione e testate, ma nessuna di queste è stata confermata attraverso i test.

Si pensa che la condizione sia di origine autoimmune, data la sua risposta agli steroidi.

Come viene diagnosticata la sindrome di Shaker?

La sindrome di Shaker è una “diagnosi a esclusione”: ciò significa che il veterinario escluderà o escluderà tutte le altre cause mediche dei tremori prima di arrivare a una diagnosi di sindrome dello shaker.

In un cane con una nuova insorgenza di tremori muscolari, il veterinario eseguirà prima esami del sangue e delle urine per escludere condizioni mediche (come malattie del fegato, malattie renali, ecc.) che possono causare segni neurologici.

Il tuo veterinario può anche verificare la presenza di malattie infettive, come il cimurro o altri virus/batteri.

A seconda delle condizioni del tuo cane e della gravità dei suoi segni, il veterinario può raccomandare di rivolgersi a un neurologo per test più avanzati.

Questo test può includere un prelievo del liquido cerebrospinale (in cui un veterinario rimuove una piccola quantità di liquido cerebrospinale, il liquido che circonda il cervello e il midollo spinale, in anestesia per il test) e una risonanza magnetica (risonanza magnetica, che consente la visualizzazione dei tessuti cerebrali) .

Non tutti i cani con presunta sindrome da Shaker richiedono questi esami approfonditi. Se i test diagnostici sono tutti negativi, il veterinario inizierà il trattamento presuntivo per la sindrome di Shaker.

I cani con sindrome di Shaker in genere migliorano entro una o due settimane dall’inizio del trattamento, il che conferma la diagnosi.

In che modo il mio veterinario tratterà la sindrome di Shaker?

La sindrome di Shaker viene trattata con prednisone, uno steroide che agisce sopprimendo il sistema immunitario del cane.

In genere, i tremori si risolvono entro una o due settimane dall’inizio del trattamento con prednisone.

Una volta che i tremori si saranno risolti, il tuo veterinario inizierà a ridurre gradualmente la dose di prednisone del tuo cane.

L’obiettivo è mantenere il cane alla dose più bassa efficace di prednisone, per massimizzare l’efficacia del trattamento riducendo al minimo gli effetti collaterali.

Gli effetti collaterali comuni del prednisone includono aumento dell’appetito, aumento della sete e aumento della minzione. 

Con l’uso a lungo termine, il prednisone può anche avere effetti sulla pelle, sul sistema endocrino (ormoni) e sul sistema immunitario.

Un regolare follow-up con il veterinario è essenziale per monitorare gli effetti collaterali, in modo che possano essere prontamente affrontati se necessario.

Se un cane non può essere adeguatamente controllato con il solo prednisone, o se gli effetti collaterali diventano problematici, possono essere presi in considerazione altri farmaci immunosoppressori.

Questi farmaci includono micofenolato, leflunomide, Cytosar e altri ma a causa del costo, questi farmaci non sono in genere utilizzati come trattamento di prima linea per la sindrome di Shaker.

Qual è la prognosi per la sindrome di Shaker?

La prognosi per la sindrome di Shaker è eccellente: la maggior parte dei tremori dei cani si risolvono completamente entro una o due settimane dall’inizio del trattamento con prednisone e possono essere controllati con l’uso a lungo termine di basse dosi di prednisone.